Tartufo Bianco: inizia la caccia al “diamante profumato”

Tartufo Bianco … inizia la caccia al “diamante profumato”

Tartufo Bianco, scientificamente Tuber Magnatum Pico, il re dei tartufi. Il diamante naturale dal profumo inebriante. Arriva con l’autunno anche l’emozionante caccia al tartufo bianco. Una vera e propria “caccia al tesoro”, passeggiando tra boschi impervi, scarpate e rovi con uno dei migliori amici che si può avere: il cane. Un cane addestrato appositamente a scovare questo tesoro profumato. Il costo del tartufo bianco? Elevato, anche elevatissimo. Motivo primario, la sua difficoltosa reperibilità influenzata da vari fattori, tra cui ambientali ed atmosferici. Tuttavia, rimane uno dei prodotti più costosi, ma pur sempre tra i più richiesti ed apprezzati in inverno.

Origini antichissime che risalgono a ben oltre 4000 anni fa. Infatti, già i Romani, Greci ed Etruschi lo apprezzavano, conoscevano e consumavano. Secondo il poeta greco Plutarco di Cheronea (I sec. a. C.), il tartufo nasce grazie ad un fulmine che Giove scagliò contro una quercia. Dio indiscusso nel pantheon romano, Giove era famoso anche per la sua attività sessuale: da qui, si attribuiscono al tartufo anche proprietà afrodisiache. Tuttavia, a causa del mistero che avvolge storia nonché reperibilità, durante il Medioevo lo considerano cibo del diavolo e delle streghe, tanto che osserviamo un’assenza.

Non tarderà a riapparire, però, durante il Rinascimento sulle tavole di nobili come Caterina de’ Medici nonché sui banchetti eccelsi d’Europa dove veniva chiamato “l’aglio dei ricchi“, proprio per il suo profumo che ricorda vagamente l’aglio. In questo periodo, la caccia al tartufo diventa attività di corte alla quale venivano invitati esclusivamente ospiti importanti.

Il tartufo più pagato? Proprio negli scorsi anni, all’asta mondiale, un tartufo bianco di un chilo e mezzo raggiunse un costo di 160.406$. L’acquirente? Un investitore di Hong Kong.

CALENDARIO APERTURA/CHIUSURA

Di seguito, regione per regione, apertura/chiusura della caccia al tartufo bianco …

REGIONE                                      APERTURA                                  CHIUSURA

Abruzzo 1° Ottobre 15 Gennaio
Basilicata 1° Ottobre 31 Dicembre
Calabria 10 Settembre 31 Dicembre
Campania 1° Ottobre 31 Dicembre
Emilia Romagna Pianura 1° Settembre 20 Gennaio
Emilia Romagna Collina 20 Settembre 20 Gennaio
Friuli Venezia Giulia 1° Ottobre 31 Dicembre
Lazio 1° Ottobre 31 Dicembre
Liguria 15 Settembre 31 Dicembre
Lombardia 15 Settembre 31 Gennaio
Mantova 15 Settembre 15 Gennaio
Pavia 15 Settembre 31 Gennaio
Como, Bergamo, Cremona, Lodi, Lecco, Mantova, Milano, Sondrio, Varese 15 Settembre 31 Dicembre
Marche 30 Settembre 31 Dicembre
Molise 1° Ottobre 15 Gennaio
Piemonte 21 Settembre 31 Gennaio
Puglia 1° Ottobre 31 Dicembre
Sardegna 1° Ottobre 31 Dicembre
Sicilia 1° Ottobre 31 Dicembre
Toscana 10 Settembre 31 Dicembre
Trentino 1° Ottobre 31 Dicembre
Umbria 30 Settembre 31 Dicembre
Valle D’Aosta 1° Ottobre 31 Dicembre
Veneto 1° Ottobre 31 Dicembre

Fonte calendario apertura/chiusura: andareatartufi

 

Precedente Olive in Salamoia: l'autentica ricetta della nonna Successivo Incendio in Toscana: inferno sul Monte Serra (Pisa)