Olive in Salamoia: l’autentica ricetta della nonna

Olive in salamoia: ecco a voi la ricetta di mia Nonna Ave!

Olive in salamoia, che passione! Sono una classica ricetta autunnale, tramandata da decenni specie per chi abita in campagna. In Toscana, è un vero “must” nelle dispense.  Nonostante le ricette più “conosciute” prevedano tempi di attesa un po’ lunghi per un’ottima riuscita, la ricetta di mia nonna è veramente semplicissima e velocissima. Le vostre olive saranno squisite e dolci, nonché un’ottima scorta per i mesi invernali.

PREPARAZIONE delle OLIVE IN SALAMOIA:

Eccovi, passo passo, la ricetta di mia nonna delle olive in salamoia. 

1. Innanzitutto, reperire ca. 4 kg di olive verdi.

2. Preparazione Iniziale: per togliere l’amaro delle olive basta immergerle in una bacinella capiente piena di acqua fresca per un periodo di 5 giorni con un peso sopra (piatto, coperchio) per evitare che si ossidino. Ogni giorno dovrete cambiare l’acqua. Anticamente si adagiavano le olive dentro un sacco di iuta immerso nell’acqua corrente di un fiume, lasciandovele per lo stesso periodo.

3.   Passati i 5 giorni, scolare e sciacquare le olive e metterle in un grande barattolo o bacinella. Aggiungere 100 gr di sale per ogni chilo di olive e lasciarle macerare per 24h. In questo modo, le olive spurgheranno … ovvero rilasceranno dell’acqua (amaro).

4.  Poi, aggiungere l’acqua fino a ricoprirle e lasciarle riposare per 4 giorni. 

5. Infine, passati i 4 giorni, scolarle, sciacquarle e preparare una salamoia (al 10%) facendo bollire 100 gr di sale per ogni litro di acqua. Far raffreddare. Mettere le olive nei barattoli ed aggiungere la salamoia fino a ricoprirle.

Tuttavia, anche se mia nonna Ave le lasciava “nude e crude”, si può aggiungere alla salamoia,  allorofette di limone o arancia, timo  o ciò che più vi piace.

Consiglio: per evitare che le olive vengano a galla, oltre all’apposito pressino salvagusto, potrete creare un tappo con le foglie di alloro (che servirà anche per aromatizzarle). Chiudere il barattolo e lasciarlo riposare per un paio di settimane.

Consiglio: prima di consumare le vostre olive in salamoia, togliere il pressino o le foglie di alloro, sciacquarle in acqua tiepida e condirle con olio aromatizzato con aglio menta. Oppure, gustatevele così come sono.

Non usando conservanti chimici, è possibile che si formi una innocua patina bianca in superficie che potrà essere tolta con un cucchiaio e che non altererà il gusto delle nostre olive.

Buon Appetito! 

Precedente Equinozio d'autunno 2018: origine, significato e ... leggende Successivo Tartufo Bianco: inizia la caccia al "diamante profumato"