Noci: raccolta, conservazione, benefici ed usi

Noci … arriva l’autunno!

Noci … il benvenuto all’autunno! Uno dei primi frutti autunnali. Nutrienti, deliziose, energiche … insomma, perfette per mille usi in cucina: dagli antipasti ai dolci.

RACCOLTA E CONSERVAZIONE (fino a 2 anni)

Alberi di grandi dimensioni, i noci sono molto diffusi nelle campagne e la raccolta inizia con … l’inizio di ottobre. Anticamente, si raccoglievano solo le noci che cadevano a terra, ancora all’interno del loro mallo … passandoci ogni 2/3 giorni. Oggi, si usano anche dei lunghi bastoni per staccarle dall’albero, ma raccoglierle ha sempre il fascino … del tempo che fu! Una volta raccolte, le noci vanno liberate dal loro mallo (usando dei guanti), spazzolate (non lavate) e messe per 48h in freezer per abbattere l’insorgere di muffe. Dopodiché, lasciarle 5/6 giorni in una cassetta esposta al sole e mosse di tanto in tanto per farle essiccare (di notte, porle al riparo da brina e umido). In caso di pioggia, si possono passare al forno (ventilato) a bassa temperatura finché non risulteranno ben secche. Infine, conservarle in luogo asciutto, lontano da fonti d calore o luce diretta, all’interno di sacchetti di iuta/rete. Si conserveranno fino a 2 anni.

 

PROPRIETÀ 

  • Ricche di sali minerali.
  • Fonte di vitamina E.
  • Contengono omega 3.
  • Contengono melatonina.
  • Sono ricche di antiossidanti.
  • Benefiche per il sistema immunitario.
  • Aiutano ad abbassare il colesterolo.
  • Toccasana per il cervello.
  • Aiutano il cuore: riducono il rischio di mortalità per ictus.
  • Sono indicate per gli sportivi.

E l’involucro … ovvero i malli? Si buttano? No, davvero!

Si possono usare come colorante naturale per il legno. Come?  Si lasciano essiccare bene in una cassetta al sole, si spezzettano e si conservano in dei barattoli ermetici. Per utilizzarli, scaldare dell’acqua, immergere un po’ di malli e lasciarli in infusione per 30 minuti. Passare in un colino e … via a dipingere!

Insomma … un frutto che ha infiniti usi e benefici!

 

 

Precedente Topinambur: la riscoperta del "carciofo di Gerusalemme" Successivo Leonardo da Vinci: il Codice Leicester in esclusiva agli Uffizi