Equinozio d’autunno 2018: origine, significato e … leggende

Equinozio d’autunno: tutto quello che c’è da sapere … dalla data, alle origini … fino al suo significato.

Fin dai tempi dei tempi, l’equinozio è un momento di cambiamento: per la Natura e … per noi. Ogni anno, cadono due equinozi. Ogni 6 mesi. A primavera ed in autunno, ma è curioso che non cada mai nello stesso momento. Tuttavia, come ci suggerisce la sua etimologia, l’equinozio è il momento in cui giorno notte hanno la stessa durata. Infatti, il termine equinozio deriva dal latino e in particolare dalle parole aequs (uguale) e nox (notte), perché si dice che, proprio in questa giornata così speciale, la durata del giorno e  della notte sia identica.

Quest’anno, l’equinozio d’autunno cadrà il 23 settembre 2018, alle ore 3.54. Da questo momento, si entrerà nella stagione fredda. Infatti l’emisfero Nord (quello in cui si trova anche l’Italia) si allontana progressivamente dal sole avendo come conseguenza l’accorciarsi delle giornate e l’abbassarsi delle temperature.

Sia per i romani che per i greci, infatti, l’equinozio rappresentava un momento di festa. In Grecia era il tempo dei festeggiamenti della dea Demetra, colei che protegge i campi, ma era anche l’epoca dei misteriosi riti eleusini, riti a cui era invitata a partecipare tutta la popolazione, senza distinzione di classi sociali.

Per i romani la data era importante anche perché l’imperatore Augusto nacque proprio in questo giorno nel 63 a.c. e per celebrare questa particolare ricorrenza diede ordine di costruire una immensa meridiana che venne posta nel Campo Marzio.

Nella tradizione celtica l’Equinozio d’Autunno era particolarmente importante e veniva chiamato Luce d’Autunno (Alban Elfed) o Luce dell’Acqua (Elued). Ma anche nella tradizione cristiana, l’Equinozio d’Autunno è importante collegandolo infatti alla figura di San Michele, l’angelo guerriero. Colui che, gettando Lucifero negli inferi, ha separato il bene dal male. Quindi, la luce dall’ombra.

In due parole:

BENVENUTO AUTUNNO!

 

 

Precedente Mondiali Volley Maschile 2018: Italia ... prima nel girone! Successivo Olive in Salamoia: l'autentica ricetta della nonna